Se Accordino ci parla di Mozart

0
2099

A Corrado Accordino il compito di chiudere sabato 19 marzo LA GRAMMATICA DEGLI AFFETTI con il suo spettacolo dedicato a Wolfgang Amadeus Mozart.

Cosa avrebbe fatto Mozart se, adolescente tra i ragazzi di oggi, avesse potuto gridare la sua solitudine? Questa è la domanda che si pone Accordino nel presentarci il suo lavoro, delicato e appassionato omaggio al genio salisburghese. Il protagonista di questo racconto è un giovane di circa 15 anni che, nel disagio tipico della sua età, trova rifugio nella musica. “La più dura possibile – spiega Accordino – musica capace di urlare, sfogare, ribellare, sfinire ma soprattutto sfidare. L’adolescente solitario cresce, qualcosa gli manca e lo percepisce come ulteriore disagio da ignorare. Trova tutte le sue risposte in una musica che lo pervade improvvisamente, durante un normale e anonimo pomeriggio. La musica di Mozart. Niente sarà più come prima, tutto sarà ad un tratto superfluo, di poco valore. Il ragazzo sente il bisogno di proteggere queste sensazioni così nuove, capisce che non potrà condividere con nessun altro la sua meraviglia”.

Grazie a una scenografia ariosa che restituisce una libertà di pensiero e un affascinante immaginario allo spettatore, i ricordi di questo ragazzo si intrecciano con la vita di Mozart, fluttuando nel tempo e nelle sue partiture. Arriviamo a credere che sia lo stesso Mozart a sfogare la sua vita repressa, ma quanto vi sia della sua anima, lo lasciamo alla fantasia di ognuno di voi.

LA GRAMMATICA DEGLI AFFETTI

sabato 19 marzo ore 21 – Auditorium Rosetum

MOZART

di Corrado Accordino

con Corrado Accordino

assistente alla regia Valentina Paiano

Ingresso 10 euro

ridotto 8 euro Soci amici di Rosetum

Per informazioni e prenotazioni:

tel. 02 48707203

info@rosetum.it

LEAVE A REPLY