Un Bosco di duecento anni

0
778

Arriva sul palcoscenico del Rosetum la nuova produzione dell’allegra ditta Pastori & Muto. Si tratta  di un viaggio spettacolare intorno alla vita del grande santo piemontese Giovanni Bosco realizzato nel bicentenario della nascita (1815 – 2015).

Il testo è di Giampiero Pizzol. La regia di Marta Martinelli. La trama? Due strani personaggi, più imbonitori da piazza che artisti, più saltimbanchi e suonatori che conferenzieri, arrivano nello stesso luogo, lo stesso giorno, alla stessa ora, col compito di raccontare tutto ciò che sanno su un grande Santo dei nostri tempi: San Giovanni Bosco.

Piccolo particolare: i due cantastorie sono stati convocati contemporaneamente e quindi danno vita ad un iniziale “duello” a suon di musica e rime, per poi decidere di raccontare insieme.

La vita è lunga o corta, non importa! 

Siamo poveri o siam ricchi, padri, madri, figlie e figli 

stranieri, laureati, suore, preti, Don Giovanni ci ha riuniti, 

per imparare a guardare e a ringraziare 

per dar voce e corpo all’ invisibile 

e capire in questa vita fragile, magnifica ma spesso anche terribile 

com’è bello amare l’impossibile! 

Da non perdere

Giovanni – Un Bosco di duecento anni

sabato 6 febbraio ore 21 – Ingresso 10 euro, ridotto 8 euro

domenica  7 febbraio ore 15.30 – Ingresso 6 euro, ridotto 5 euro

Per informazioni e prenotazioni:

tel. 02 48707203

info@rosetum.it

 

LEAVE A REPLY