Tempo di bohème

0
404

La Stagione Lirica Live 2016 del Centro Francescano Rosetum si conclude questo venerdì con La Bohème di Giacomo Puccini.

Ancora una volta il palcoscenico di via Pisanello ospiterà gli allievi del corso Adads – Accademia dell’Arte dello Spettacolo – il maestro Marco Beretta al pianoforte e le idee e le soluzioni sceniche del regista Alberto Oliva.

L’appuntamento con l’opera in quattro quadri realizzata su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica ed eseguita perla prima volta nel 1896 al Teatro Regio di Torino, è fissato per venerdì’ 15 aprile alle ore 20.

Mimì, Musetta, Rodolfo e Marcello vi aspettano. Non mancate. Ora lasciamo spazio a Alberto Oliva che con le sue “note di regia” ci spiega come ha affrontato questo nuovo titolo.

NOTE DI REGIA

Due mesi fa su questo palcoscenico mettevamo in scena Traviata, opera che ha influenzato tutta l’opera lirica che la segue. In particolare Bohème, in cui Puccini e i suoi librettisti hanno attinto largamente al soggetto, ai personaggi, alle atmosfere del capolavoro di Verdi.

Questa somiglianza mi consente di portare avanti – con la regia – una riflessione sull’Arte attraverso queste opere. Allora proposi l’immagine di Violetta come opera d’arte che lentamente si distrugge a contatto con la corruzione di un mondo che non dà spazio all’arte.

Mimì è la possibilità dell’arte nella nostra società. E’ malata, ma è l’ultima luce che ci resta, corrotta da un mondo che non vuole l’arte perché sente di non averne bisogno.

Musetta rappresenta, invece, le luci dell’intrattenimento vuoto, ebbro, drogato ed effimero. Il trionfo di un mondo che ha fatto a meno dell’arte. Salvo rendersene conto quando ormai è troppo tardi.

La differenza con Traviata è il mondo intorno. Nell’opera di Verdi non ci sono gli artisti, solo Violetta è l’unica creatura d’arte in mezzo a gente che non la può capire. In Bohème gli artisti sono pienamente rappresentati: un pittore, un poeta, un musicista e un filosofo. Mimì arriva a casa loro portando la flebile fiamma di una candela, perché è richiamata da loro, dall’energia che sprigiona l’artigianato artistico. Lei è l’opera d’arte da loro prodotta senza che nemmeno se ne rendano conto, disillusi e rassegnati come sono fin dal primo atto.

Rodolfo cercherà di salvarla, ma le condizioni di questo mondo lo rendono davvero impossibile.

Spero, dunque di suggerire una doverosa riflessione sul mondo di oggi e sull’Italia in cui viviamo, un Paese che sta perdendo la cultura dell’arte e in particolare proprio dell’opera lirica, rinunciando a un tesoro di inestimabile valore di cui è stata indiscussa creatrice e in cui ha raggiunto le vette più alte. Perdiamo tutto, per inerzia, per incapacità di valorizzare le nostre vere eccellenze. Perdiamo tutto per inseguire la chimera di un successo economico su scala mondiale in ambiti che non ci appartengono. Ma siccome all’estero si fa così, facciamo così anche noi.

Un mondo che dimentica o addirittura ostacola l’arte è un mondo che nega l’essenza più profonda dell’animo umano.

Chiudo ricordandovi l’articolo 9 della nostra meravigliosa Costituzione, casomai qualcuno che siede laddove conta, avesse voglia di riscoprire il valore del verbo “promuovere” e del concetto di “sviluppo”. Per non morire soffocati, come la povera Mimì:

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.”

ALBERTO OLIVA

 

Schermata 2016-03-30 alle 17.33.37

DA NON PERDERE
Stagione Lirica live 2016

LA BOHèME

opera in quattro quadri di Giacomo Puccini

Teatro Rosetum

Ingreso 15 euro

ridotto 12 euro Soci Amici di Rosetum

CORO dell’ADADS Accademia Dell’Arte Dello Spettacolo

Direzione Musica e Pianoforte: Marco Beretta

Messa in scena: Alberto Oliva

Assistente alla messa in scena: Arianna Aragno

Disegno Luci: Alessandro Tinelli

Costumi: Arte Scenica – Reggio Emilia

Trucco e acconciature: APTA Accademia Professionale Trucco Artistico- Società Umanitaria

Per informazioni e prenotazioni:

tel. 02 48707203

info@rosetum.it

 

 

 

LEAVE A REPLY