All’improvviso un bisogno di impossibile

0
361

Eccoci al primo numero di Quel che passa il convento – stagione 2016/2017, il magazine con tutti gli appuntamenti in cartellone  a Rosetum.

Come ogni mese pubblichiamo l’editoriale di Padre Marco Finco.

Vi ricordiamo che il magazine e’ disponibile presso il centro culturale di via Pisanello 1 e puo’ essere scaricato anche da questo sito,  sulla parte destra della homepage.

Buona lettura a tutti!

Editoriale ottobre 2016

Buongiorno a tutti!

Sono accadute tante cose e tante ne accadranno…alcune dolorose, molto dolorose (un ricordo particolare lo dobbiamo a Marta del Sole, una bimba di otto anni che abbiamo avuto il piacere di incontrare alla Scuola del Giullare nel mese di giugno e che il Signore, misteriosamente, ha chiamato a sé), altre ricche di letizia che ci hanno fatto gustare più da vicino la bellezza del grande dono della vita. Potremmo sintetizzare tutto con due parole molto care a San Francesco: Perfetta Letizia!

Ricominciamo proprio da questa nostro grande Santo, il Poverello di Assisi! Invitandovi ai primi appuntamenti di questo nuovo anno (che trovate all’interno) ci è venuto in mente questo meraviglioso brano tratto dal Caligola (I atto, IV scena) di Albert Camus. I personaggi sono Caligola, imperatore romano, ed Elicone, suo servo.

Noi vorremmo ricominciare quest’anno così…

Elicone: Buon giorno Caligola.

Caligola: Buon giorno Elicone.

Elicone: Sembri affaticato.

Caligola: Ho camminato molto.

Elicone: Sì, la tua assenza è durata a lungo.

Caligola: Era difficile da trovare.

Elicone: Che cosa?

Caligola: Ciò che volevo.

Elicone: E che volevi?

Caligola: La luna.

Elicone: Che?

Caligola: La luna. Sì, volevo la luna.

Elicone: Ah, e per fare cosa?

Caligola: E’ una delle cose che non ho.

Elicone: Sicuramente. E adesso È tutto a posto?

Caligola: No, non ho potuto averla. Sì, ed è per questo che sono stanco. Tu pensi che io sia pazzo.

Elicone: Sai bene che io non penso mai. Sono troppo intelligente per pensare.

Caligola: Sì, d’accordo. Ma non sono pazzo e posso dire perfino di non essere mai stato così ragionevole come ora. Semplicemente mi sono sentito all’improvviso un bisogno di impossibile. Le cose così come sono non mi sembrano soddisfacenti.

Elicone: E’ un opinione abbastanza diffusa.

Caligola: E’ vero, ma non lo sapevo prima. Adesso lo so. Questo mondo così com’è fatto non è sopportabile. Ho bisogno della luna, o della felicità o dell’immortalità, di qualcosa che sia demente forse, ma che non sia di questo mondo.

Elicone: E’ un ragionamento che sta in piedi. Ma, in generale, non lo si può sostenere fino in fondo, non lo sai?

Caligola: E’ perchè non lo si sostiene mai fino in fondo che non lo si sostiene fino in fondo. E non si ottiene nulla. Ma basta forse restare logici fino alla fine.

Elicone: Io so ciò che pensi. Quante storie, per esempio per la morte di una donna.

Caligola: No, Elicone, non è questo. Mi sembra di ricordare, è vero, che alcuni giorni fa è morta una donna che io amavo. Ma cos’è l’amore? Poca cosa. Questa morte non è niente, te lo giuro. Essa è solo il segno di una verità che mi rende la luna necessaria. E’ una verità molto semplice e perfettamente chiara, un po’ stupida forse, ma difficile da scoprire e pesante da portare.

Elicone: Ma, in fin dei conti, qual è la verità?

Caligola: Gli uomini muoiono e non sono felici.

Elicone: Andiamo questa è una verità con la quale ci si può benissimo arrangiare! Guardati attorno; non è questa una verità che impedisca loro di mangiare, per esempio.

Caligola: Allora è che tutto attorno a me è menzogna. E uno che mangia carne così è un mentitore. E io voglio che si viva nella verità. Da imperatore voglio che si viva nella verità, e io ho proprio i mezzi per farli vivere nella verità, poiché io so ciò che manca loro, Elicone. Sono privi di conoscenza e manca loro un professore che sappia ciò di cui si parla.

Elicone: Non offenderti di ciò che ti sto per dire, ma dovresti prima riposarti un po’…

Caligola: Non è possibile. Non sarà mai più possibile: dopo aver viste queste cose non è più possibile…E, ti prego, aiutami.

Elicone: Non ho ragioni per non farlo, ma non so molte cose e poche mi interessano. In che cosa ti posso aiutare?

Caligola: Nell’impossibile.

Elicone: Farò del mio meglio.

 

Anche noi vogliamo fare del nostro meglio!

 

Fra Marco Finco

 

 

 

LEAVE A REPLY