Vivere da amici

0
137

QUELCHEPASSAILCONVENTO
Editoriale novembre 2017

Il mese di novembre si apre con una grande festa: Tutti i Santi. Sarebbe bello poter togliere quell’articolo determinativo: “i”. Tutti Santi! Si, perché noi abbiamo ancora in mente che la santità sia una meta riservata solo ad alcuni pochi eletti ed invece, come ci ricorda San Paolo: “In lui – Cristo – (Dio) ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità” (Ef 1,4). E parla di noi tutti.
Benedetto XVI, nell’Udienza del 13 aprile del 2011 ci ricordava che: “La santità, la pienezza della vita cristiana non consiste nel compiere imprese straordinarie, ma nell’unirsi a Cristo, nel vivere i suoi misteri, nel fare nostri i suoi atteggiamenti, i suoi pensieri, i suoi comportamenti. La misura della santità è data dalla statura che Cristo raggiunge in noi, da quanto, con la forza dello Spirito Santo, modelliamo tutta la nostra vita sulla sua.”
I suoi atteggiamenti, i suoi pensieri, i suoi comportamenti… mi vengono in mente due parole con le quali, come Centro Rosetum, proviamo a confrontarci ogni giorno: ospitalità e educazione. Due parole sintetizzate in un’altra grande parola: amicizia.
Oggi si parla tanto di “integrazione”, ma forse la parola più giusta dovrebbe essere ospitalità, che nella nostra tradizione è sempre stata “sacra”. Si “integrano” pezzi meccanici, ma le persone occorre ospitarle. Una ospitalità che ha anche il compito dell’educazione, dell’aiutarci a rimetterci di fronte a grandi maestri. Insomma la possibilità di riconquistare ogni giorno il senso vero della nostra umanità sta anzitutto nel vivere una vera amicizia. Un altro piccolo passo in questa direzione Rosetum quest’anno lo compie con l’apertura di un laboratorio di liuteria negli spazi della Galleria Velasquez, che “ospiterà” anche tutta la stagione musicale, che vorrebbe essere vissuta anzitutto come un luogo di amicizia. Per questo vi invitiamo a partecipare anche ad un piccolo gesto prima di ogni concerto, dove staremo davanti a grandi maestri, per degustare insieme un dolce e brindare alla possibilità che ci è donata di ospitarci ed educarci. Vivere da amici.

Padre Marco Finco
Direttore Centro Culturale Rosetum

—————————————————————————————————-

E’ possibile leggere il testo di Padre Marco Finco anche in versione cartacea all’interno del nuovo numero di Quel Che Passa il convento – Novembre,  disponibile presso gli spazi del Centro Culturale Rosetum.

Il disegno di apertura è di Anna Formaggio.

LEAVE A REPLY