Nel cuore del Presepe c’è il pastore

0
415

Come ogni mese pubblichiamo l’editoriale del nuovo numero di Quel che Passa il Convento, il magazine ufficiale del Centro Culturale Rosetum che potete trovare presso gli spazi di via Pisanello 1.

Naturalmente il numero di Dicembre è dedicato al Santo Natale. A voi un testo di Giampiero Pizzol.

Il disegno è di Anna Formaggio.

Buona lettura.

Nel cuore del Presepe c’è il pastore
con le braccia spalancate,
le ginocchia un po’ piegate
e con gli occhi illuminati
e i capelli spettinati
nella bocca un gran sorriso
come se fosse in paradiso
perché vede da vicino
proprio lì in quel Bambino
Dio che scende giù dal Cielo
nella notte al freddo e al gelo
e contempla nella paglia
quella grande meraviglia.

Dio nasce senza rumore,
come un battito di cuore
e ci vuol la mente sveglia
per vedere tra la paglia
quel Mistero che ci abbaglia.
Meraviglia è un’emozione
ed è senza paragone
la più bella e più splendente.
Ci succede raramente
dura a volte un solo istante
ma è il dono più importante.
Può venire piano piano
come un passero sul ramo
o una volpe alla tua mano.
Può accadere nella notte:
senti gocce fitte fitte
e tu pensi fuori piove
e invece, ecco la neve!
È una storia accanto al fuoco
la parola di un amico
è un bambino che ti vede
ed è Dio che ti sorride.
La sorpresa di qualcosa
che non c’era ed ora c’è
ed è proprio qui per te!
Ci son pecore e pastori,
cacciatori e pescatori,
donne, vecchi e zampognari
e botteghe di mestieri,
ci son Re e viaggiatori
e per tutti è un’avventura
vivere quella notte scura
ma è una grande meraviglia
star davanti alla famiglia
poverissima e felice
dove Dio adesso nasce!

(Giampiero Pizzol, “Il Presepe… che meraviglia!”)

LEAVE A REPLY