LE ULTIME SETTE PAROLE DI CRISTO SULLA CROCE

Il Centro Culturale Rosetum ha il piacere di presentare una nuova produzione 2018: il concerto-meditazione LE ULTIME SETTE PAROLE DI CRISTO SULLA CROCE di Franz Joseph Haydn.

Nel 1786 Franz Joseph Haydn (1732-1809) ricevette la richiesta di comporre una musica per le cerimonie del Venerdì Santo da un canonico di Cadice, nella Spagna meridionale. Nacque così la Musica instrumentale sopra le 7 ultime parole del nostro Redentore in croce ovvero Sette Sonate con una introduzione ed alla fine un Terremoto (Hob:XX:1) nella versione originale per orchestra.
Haydn ha sempre considerato questa composizione uno dei suoi lavori migliori tanto da indurlo a preparare, nel 1787, una trascrizione per quartetto d’archi (Hob:XX:2) e una riduzione per pianoforte (Hob:XX:3); da ultimo, nel 1796, una versione per coro e orchestra (Hob:XX:4).
La composizione, una tra le più note del musicista austriaco, considerato il “padre” del quartetto d’archi, si articola in sette sonate in tempo lento che meditano sulle ultime frasi pronunciate da Cristo sulla croce, precedute da una maestosa introduzione e concluse con un movimento che descrive il terremoto che sconvolse il Calvario.

Programma

• Introduzione – Maestoso e adagio
• Sonata I – Pater, dimitte illis quia nesciunt quid faciunt – Largo
• Sonata II – Hodie mecum eris in Paradiso – Grave e cantabile
• Sonata III – Mulier, ecce filius tuus – Grave
• Sonata IV – Deus meus, Deus meus, utquid dereliquisti me? – Largo
• Sonata V – Sitio – Adagio
• Sonata VI – Consummatum est – Lento
• Sonata VII – In manus tuas, Domine, commendo spiritum meum – Largo
• Il terremoto – Presto e con tutta forza
Composizione: Eisenstadt, Eszterhàza, 11 febbraio 1787


Ensemble Rosetum – La Nuova Cameristica

Violini: Gabriele Oliveti, Alessandro Vescovi

Viola: Chiara Oliveti

Violoncello: Alberto Drufuca

Voce recitante: P. Marco Finco


Per informazioni:

tel. 02 48707203

tel. mob. 333 6211298

info@rosetum.it

framarco@icloud.com